Solar Orbiter

In Missioni operative by admin

ESA

Lancio Febbraio 2020

Solar Orbiter (ESA/NASA) rappresenta una grande opportunità per scoprire i legami fondamentali che esistono tra l’atmosfera solare magnetizzata e la dinamica del vento solare che, in ultima analisi, sono alla base della meteorologia spaziale. Nel mese di ottobre del 2011, Solar Orbiter è stato scelto come missione M1 di Cosmic Vision ed è entrato nella fase di realizzazione nel 2012. La sua orbita, durante la fase operativa, sarà caratterizzata da un perielio di soli 0.28AU che permetterà di osservare la superficie del Sole ad altissima risoluzione spaziale. Inoltre, approfittando di un’inclinazione orbitale superiore a 30° rispetto all’equatore celeste, verso la fine della missione, sarà possibile osservare per la prima volta direttamente le regioni polari. Queste osservazioni da remoto, insieme alle misure fornite dagli strumenti in-situ, rappresenteranno gli ingredienti necessari per svelare i meccanismi alla base della generazione ed il riscaldamento del plasma coronale.Il payload scientifico comprende due strumenti con importanti contributi italiani: METIS (Multi Element Telescope for Imaging e Spectroscopy) e SWA (Solar Wind Analyzer) . Il coronografo METIS è costituito da un Imager coronale nel VL e nell’UV (HI Ly α). Questo coronografo ha una PIship italiana (INAF – OATo) . L’analizzatore di plasma SWA è una suite di 4 sensori di plasma completamente gestiti da una singola DPU. SWA misurerà le funzioni di distribuzione delle velocità delle particelle costituenti il plasma del vento solare. SWA ha una CoPIship italiana (INAF – IAPS) responsabile della DPU. METIS e SWA sono realizzati nell’ambito di contratti ASI .

Persona di Riferimento: Roberto Bruno